Capitale Verde d’Europa 2019: Bologna si candida

16-12-2016

Aree Tematiche:
Partner
Capitale Verde d’Europa 2019: Bologna si candida

La città di Bologna si candida a Capitale Verde d’Europa per il 2019, un premio che la Commissione Europea assegna ogni anno alle città che si distinguono per i progressi intrapresi verso il raggiungimento di una vita urbana rispettosa dell’ambiente.

Istituito nel 2008, il Green Capital Award intende valorizzare le città europee più virtuose in termini di miglioramento di qualità della vita dei propri cittadini, con l’attuazione di elevati standard ambientali e l’impegno per il raggiungimento di ambiziosi obiettivi ecologici.

Le candidature saranno valutate da una commissione di esperti, sulla base di 12 indicatori. Per ognuno di questi, le città partecipanti sono state chiamate a compilare un report che può essere considerato un vero e proprio libro bianco delle attività svolte negli ultimi anni nell’ambito della sostenibilità: in esso infatti sono riportate le attività svolte negli ultimi 5-10 anni, la situazione attuale e le strategie future. Tra le 14 città candidate, tra cui l’altra italiana Firenze, nell’aprile 2017 saranno selezionate 3 finaliste. Una giuria assegnerà poi il premio nel mese di giugno del 2017 ad Essen, in Germania.

Tra i fattori determinanti per l’attribuzione del riconoscimento: mitigazione e adattamento; trasporto locale; aree urbane verdi che incorporano l’utilizzo sostenibile del territorio; natura e biodiversità; qualità dell’aria; qualità acustica dell’ambiente; gestione delle risorse idriche; trattamento delle acque reflue; innovazione e occupazione eco-sostenibile; rendimento energetico; gestione ambientale integrata.

Il numero di candidature rappresenta un record rispetto alle passate edizioni. Oltre ai capoluoghi di Toscana e Emilia Romagna, si candidano per questa edizione: Arad (Romania), Funchal e Lisbona (Portogallo), Ghent (Belgio), Kamëz (Albania), Lahti (Finlandia), Oslo (Norvegia), Pecs (Ungheria), Siviglia (Spagna), Strasburgo (Francia), Tallinn (Estonia) e Wroclaw (Polonia).

Le città vincitrici del premio – tra cui in passato Stoccolma, Amburgo, Nantes e Copenaghen – fanno da apripista nel favorire uno sviluppo urbano più sostenibile, ascoltando i desideri dei cittadini e fornendo soluzioni innovative alle sfide ambientali.

Per Bologna si tratta di una grande opportunità: vincere il Premio di Capitale Verde d’Europa significa ricevere visibilità mediatica internazionale e aprire le porte a nuove collaborazioni e a investimenti dall’estero.

Per saperne di più, visita il sito ufficiale dell’iniziativa.