Climate-Kic e start-up: a Bologna un aiuto concreto per le imprese innovatrici

10-08-2015

Aree Tematiche:
Partner
Climate-Kic e start-up: a Bologna un aiuto concreto per le imprese innovatrici

Un aiuto concreto alle start-up che puntano allo sostenibilità. E’ questo l’obiettivo di due iniziative che passano e traggono ispirazione dalla città di Bologna: il Climate Launch Pad Boot Camp e il Climate-Kic Accelerator.

Dieci idee di impresa, tre coach regionali, un mentore olandese e due giorni di full immersion per lo sviluppo della propria consapevolezza imprenditoriale. Questa la ricetta del Boot Camp del Climate Launch Pad, la principale business ideas competition europea per progetti clean-tech (28 Paesi coinvolti), che si è svolto dal 30 giugno al 1° luglio a Bologna, presso gli spazi di ERVET, partner dell’iniziativa organizzata dalla RIC Emilia-Romagna.

I team, provenienti da tutta Italia, ma anche da Paesi come l’India e l’Iran, hanno affrontato una sessione di training molto intensa guidata da Ron Bloemers, il quale ha fatto confrontare i giovani imprenditori con i “Fundamentals” di un business per rafforzare le loro idee di impresa che propongono soluzioni per temi come la mobilità sostenibile, la bio-energia, l’ICT applicato all’ambiente e la sostenibilità agroalimentare.

Il 24 luglio, la giuria internazionale ha incoronato i 3 vincitori (scarica la graduatoria completa), che realizzano nuove soluzioni per il riciclo della plastica (ZEROPET), l’efficienza energetica (TortellinoHPC) e la produzione di energia verde (Micro Anaerobic Digestion) e che rappresenteranno l’Italia alla finale europea, in programma il 4 settembre ad Amsterdam, con progetti nati a Bologna. Il primo classificato vincerà 3.000 euro offerti dalla Climate-KIC, mentre il secondo e il terzo potranno gustare i prodotti biologici compresi nella fornitura messa a disposizione dallo sponsor Il Biricoccolo, fattoria sociale di Crespellano (Valsamoggia, BO).

A fornire supporto continuo alle start-up, in tutte le fasi di ideazione e lancio delle idee e dei progetti, è invece il Climate-Kic Accelerator, un programma che supporta lo sviluppo di start-up innovative che operano su tematiche collegate al cambiamento climatico. I beneficiari accedono a mentorship, consulenze, formazione e contributi. I migliori progetti possono partecipare alla Venture Competition europea Climate KIC che premia ogni anno le migliori start-up supportate da collocation centres e centri regionali.

Le start-up Climate KIC hanno accesso a masterclass – formazioni di 2 giorni – su tematiche legate al management realizzate dai migliori esperti internazionali e a missioni in paesi extra europei (USA, Cina, India, Israele). In Italia la selezione è coordinata da RIC Emilia-Romagna e in particolare da ASTER.

Il bando di accesso alla terza fase, rivolta a startup per l’organizzazione di incontri con clienti e investitori, scade il 21 settembre: quattro giornate di formazione e cinque di consulenza su investor readiness e internazionalizzazione, che si terranno a Bologna e che rappresentano la porta di accesso alla possibilità. per ogni start-up, di ricevere 10.000 € di contributi.