medical-563427_1280

Sant’Orsola-Malpighi: un ospedale ad alta efficienza

21-04-2015

Aree Tematiche:
Soggetto Firmatario

Bacheca Progetto

Tipologia di intervento
Modifiche impiantistiche, Ristrutturazione di unità immobiliari/edifici, Corso di formazione, Trasporti, Modifica procedure interne

Descrizione Progetto

Grazie alla sua volontà di trasformarsi in un complesso altamente efficiente e sostenibile, oltre ai progetti realizzati nell’ambito del PAES, l’azienda ospedaliera ha partecipato ad una serie di progetti pilota che l’hanno trasformato in un esempio riconosciuto a livello europeo.
Dal punto di vista energetico, al momento gli interventi includono la sostituzione di due generatori di vapore con generatori ad alto rendimento nella centrale termica Malpighi, e la sostituzione di numerose utenze di illuminazione al neon con illuminazione a led.

L’Azienda Ospedaliera – Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola Malpighi migliorerà la propria efficienza energetica grazie anche ad un accordo firmato l’8 maggio 2013 tra il Fondo Europeo per l’Efficienza Energetica (EEEF) e Progetto ISOM S.p.A.
Le iniziative pianificate contribuiranno a migliorare l’efficienza energetica dell’intero sistema di produzione e distribuzione dei fluidi dell’Ospedale e ridurre il consumo energetico includendo, ad esempio, un impianto di trigenerazione, cioè un impianto che produce congiuntamente energia elettrica, termica e frigorifera la cui realizzazione sarà terminata entro il 31 dicembre 2015. Questo progetto porterà a una riduzione delle emissioni di CO₂ pari a 1.589 tonnellate per anno.
La chiusura finanziaria dell’accordo è stata raggiunta attraverso una Partnership Pubblico-Privata (PPP) che rappresenta al momento il più ampio intervento di efficientamento energetico in Italia, con un volume di circa 41 milioni di Euro, 32 dei quali finanziati da EEEF, per un periodo complessivo di 20 anni.

Per incentivare la mobilità sostenibile, l’azienda ha implementato azioni di mobility management, tra cui il rilascio di incentivi per l’acquisto di 812 abbonamenti TPL annuali per influenzare i comportamenti individuali incoraggiando il dipendente a soddisfare i bisogni di mobilità usando mezzi di trasporti sostenibili sia dal punto di vista ambientali che sociale.

Un ulteriore settore di intervento è quello idrico nel quale l’azienda ha ottenuto un risparmio di 300.000 m3 di acqua su un consumo di mezzo milione di m3.

A contribuire alla trasformazione del complesso ospedaliero in un’Azienda altamente efficiente è il progetto RES- Hospital, acronimo del più lungo titolo ”Towards Zero Carbon Hospitals with Renewable Energy Systems”.
Finanziato nell’ambito del programma IEE-Intelligent Energy for Europe, e gestito dall’agenzia Executive Agency for Competitiveness and Innovation – EACI, della Direzione Generale Energia-DG EN, RES-Hospital è un progetto finalizzato alla ricerca per le strutture sanitarie di strategie e iniziative per il superamento delle barriere che impediscono una più estesa applicazione di misure per il risparmio energetico e l’uso di sistemi di energia da fonti rinnovabili.

Obiettivo generale del progetto è ridurre le emissioni di anidride carbonica nei 15.000 circa ospedali esistenti in Europa.

Per quanto riguarda il complesso ospedaliero Sant’Orsola-Malpighi, il progetto include una roadmap il cui obiettivo è coprire il 50% dei consumi energetici dell’ospedale con energia prodotta da fonti rinnovabili.
Nell’ambito del progetto, attraverso l’istituzione del gruppo Aziendale di “gestione Ambientale e Sviluppo sostenibile”  l’azienda si è dotata di uno strumento organizzativo per la definizione di strategie aziendali relative all’informazione, alla formazione e all’addestramento dei lavoratori, definendo inoltre i ruoli delle nuove figure che hanno una grande importanza nei processi di gestione ambientale (Energy Management). L’opera più significativa consiste nella realizzazione di una centrale composta da due motori di cogenerazione a metano da oltre 3,3 MW elettrici e 2,9 MW termici, con due gruppi frigoriferi monostadio da circa 2 MW. L’impianto permetterà di impiegare 13.160 TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) contro i 17.323 TEP di energia prevista secondo il potenziale aumento della domanda di energia da impiegare in futuro, il nuovo impianto consentirà un risparmio di energia primaria (gas ed energia elettrica) pari a 4.163 TEP/anno corrispondente al 26,2% dei consumi attuali di energia del Policlinico ed un risparmio annuo di oltre 1.589 T di CO2 eq/anno.

> Scarica la Deliverable del progetto RES-Hospital.

Galleria Progetto

Luoghi del Progetto

sant'orsola

Sant'Orsola Malpighi Primo Soccorso Generale, Bologna, BO, Italia